Film italiani in concorso 2020

IL GRANDE SALTO

 

 

Regia Giorgio Tirabassi

Attori Ricky Memphis, Giorgio Tirabassi, Roberta Mattei, Gianfelice Imparato, Paola Tiziana Cruciani, Cristiano Di Pietra, Mia Benedetta, Salvatore Striano, Liz Solari, Lillo, Federica Carruba, Valerio Mastandrea, Marco Giallini.

Durata 94 min

Trama

Il Grande Salto vede protagonisti i quarantenni Rufetto e Nello (Giorgio Tirabassi e Ricky Memphis), due rapinatori maldestri che, dopo aver scontato quattro anni di carcere per un colpo andato male, vivono in un quartiere della periferia romana. I due non demordono e progettano una rapina che potrebbe dare una svolta alle loro vite mediocri. Riprendere in mano l'attività e soprattutto portarla a buon fine, però, non è per niente facile: si convincono, così, che il destino non sia dalla loro parte.

 

Sceneggiatura Daniele Costantini, Giorgio Tirabassi, Mattia Torre
Autore della fotografia cinematografica Massimo Intoppa
Scenografia Massimiliano Mereu
Costumi Agata Cannizzaro
Musiche Battista Lena
Montaggio Luigi Mearelli
Fonico di presa diretta Francesco Cavalieri
Montaggio del Suono Stefano Di Fiore
Effetti speciali Giuseppe Squillaci
Trucco Rosalba Cimino
Acconciatura Marco Figliulo
Creatori di suoni Edmondo Gintili
Produttore esecutivo Massimo Ispettore

 

 

NEVIA

 

 

Regia Nunzia De Stefano

Attori Virginia Apicella, Pietra Montecorvino, Rosy Franzese, Pietro Ragusa, Franca Abategiovanni, Simone Borrelli, Gianfranco Gallo, Lola Bello

Durata 86 min

Trama

Nevia è la storia di una 17enne (Virginia Apicella) cresciuta troppo velocemente; nel posto in cui vive infatti è diventata grande ancora prima di essere stata bambina. È un'adolescente minuta e acerba, ma molto caparbia. Cresciuta nel campo di Ponticelli, quartiere periferico di Napoli, insieme alla nonna Nanà (Pietra Montecorvino), la zia Lucia (Franca Abategiovanni) e la sorella minore Enza (Rosy Franzese), la ragazza cerca di farsi rispettare in un mondo dove nascere donne è un’aggravante. Appartenere al "sesso debole" non offre alcuna opportunità, la giovane lo sa benissimo e fa di tutto per proteggersi dalla sua femminilità, nascondendosi dietro vestiti sportivi e un atteggiamento ribelle. Quando arriva nella zona un circo, la quotidianità della ragazza va in frantumi e inizia a farsi largo una nuova e improvvisa possibilità.

 

Sceneggiatura Nunzia De Stefano, Chiara Ridolfi
Autore della fotografia cinematografica Guido Michelotti
Scenografia Daniele Frabetti
Costumi Massimo Cantini Parrini
Musiche Michele Braga
Montaggio Sarah McTeigue
Fonico di presa diretta Vincenzo Urselli
Montaggio del Suono Antonio Giannantonio
Effetti speciali
Trucco Veronica Luongo
Acconciatura Ivan Spignese
Creatori di suoni
Produttore esecutivo Giuseppe Manzi

 

 

DAFNE

 

 

Regia Federico Bondi

Attori Carolina Raspanti, Antonio Piovanelli, Stefania Casini.

Durata 94 min

Trama

Dafne è una ragazza di trentacinque anni affetta da sindrome di Down con una vita semplice e felice: fa un lavoro che le piace ed è circondata da amici e colleghi che le vogliono bene. Dafne vive con i genitori, ma quando la madre improvvisamente muore l'equilibrio familiare va in mille pezzi. La ragazza non solo dovrà affrontare la perdita, ma dovrà anche stare accanto a suo padre, caduto in depressione per il lutto. Dafne reagisce bene a quanto accaduto, l’unica cosa che non riesce a fare però è scuotere il padre dal suo stato di sconforto. Un giorno, però, mentre sono in cammino alla volta del paese in cui è nata la moglie, Luigi e sua figlia inizieranno a conoscersi più a fondo, provando a guardare avanti insieme.

 

Sceneggiatura Federico Bondi
Autore della fotografia cinematografica Piero Basso
Scenografia Alessandra Mura, Cristina Del Zotto
Costumi Massimo Cantini Parrini
Musiche Saverio Lanza
Montaggio Stefano Cravero
Fonico di presa diretta Mirko Guerra
Montaggio del Suono Daniela Bassani
Effetti speciali Rodolfo Migliari
Fabio Traversari
Trucco Sara Marina Lombardi, Daniela Tartari
Acconciatura Sara Marina Lombardi, Daniela Tartari
Creatori di suoni Stefano Grosso
Produttore esecutivo Alessio Lazzareschi

 

 

IL CORPO DELLA SPOSA - FLESH OUT

 

 

Regia Michela Occhipinti

Attori Verida Beitta Ahmed Deiche.

Durata 95 min

Trama

Il Corpo della Sposa, ambientato in Mauritania, racconta la storia di Verida (Verida Beitta Ahmed Deiche), una ragazza moderna che lavora in un salone di bellezza, frequenta i social network e si diverte con le amiche. Quando la famiglia sceglie per lei un futuro sposo, Verida si vede costretta a prendere peso affrontando il “gavage”, per raggiungere l’ideale di bellezza e lo status sociale che la tradizione del suo Paese le impone. Mentre il matrimonio si avvicina a grandi passi Verida mette in discussione tutto ciò che ha sempre dato per scontato: i suoi cari, il suo modo di vivere e non ultimo il suo stesso corpo.

 

Sceneggiatura Michela Occhipinti, Simona Coppini
Autore della fotografia cinematografica Daria D’Antonio
Scenografia
Costumi
Musiche Alex Braga
Montaggio Cristiano Travaglioli
Fonico di presa diretta Lavinia Burcheri
Montaggio del Suono Silvia Moraes
Effetti speciali Rodolfo Migliari
Trucco
Acconciatura
Creatori di suoni Mirko Perri
Produttore esecutivo

 

 

SOLE

 

 

Regia Carlo Sironi

AttoriSandra Drzymalska, Claudio Segaluscio, Barbara Ronchi, Bruno Buzzi.

Durata 103 min

Trama

Sole racconta la storia di Ermanno (Claudio Segaluscio), un ragazzo che vive la sua vita in modo piatto, tra gioco d'azzardo e piccole attività illegali. Un giorno conosce Lena (Sandra Drzymalska), sua coetanea di origini polacche, giunta in Italia incinta per vendere la sua bambina e con i soldi poter dare inizio a una nuova vita. Ermanno è deciso ad aiutarla a fingere che la piccola che porta in grembo la giovane sia sua figlia. Il piano coinvolge gli zii del ragazzo, che purtroppo non possono avere bambini, e potrebbero adottare la nascitura più facilmente proprio perché parenti stretti del fantomatico padre. La bambina, di nome Sole, viene alla luce ma nasce prematura e ha bisogno di essere allattata al seno. Nonostante ciò Lena cerca di non instaurare alcun tipo di rapporto, al contrario, in Ermanno scatta qualcosa.

 

Sceneggiatura Carlo Sironi, Giulia Moriggi, Antonio Manca
Autore della fotografia cinematografica Gergely Poharnok
Scenografia Ilaria Sadun
Costumi Olivia Bellini
Musiche Teoniki Rozynek
Montaggio Andrea Maguolo
Fonico di presa diretta Stefano Sabatini
Silvia Moraes
Montaggio del Suono Marzia Cordò
Effetti speciali
Trucco Valentina Iannuccilli
Acconciatura
Creatori di suoni Jacek Wisniewski
Produttore esecutivo Giovanni Pompili

 

 

IL TRADITORE

 

 

Regia Marco Bellocchio

Attori Piefrancesco Favino, Maria Fernanda Candido, Maria Amato, Fabrizio Ferracane, Luigi Lo Cascio, Fausto Russo Alesi.

Durata 155 min

Trama

Il Traditore racconta la storia di Tommaso Buscetta (Pierfrancesco Favino), il primo grande pentito di mafia che ha cambiato le sorti dei rapporti tra Stato e criminalità organizzata. All'inizio degli anni 80 è guerra tra le vecchie famiglie della mafia, Totò Riina e i Corleonesi. In palio c'è il controllo sul traffico di droga. Alla festa di riconciliazione delle 'famiglie' Tommaso Buscetta sente il pericolo. Decide di emigrare in Brasile e allontanarsi dai Corleonesi che si accaniranno su due dei suoi figli e il fratello rimasti in Sicilia, e lui stesso è braccato anche in Brasile. Ma prima della mafia è la polizia brasiliana ad arrestarlo. Il giudice Giovanni Falcone (Fausto Russo Alesi) gli offre un'alternativa: collaborare con la giustizia e grazie alle sue rivelazioni viene istruito il Maxi-Processo con 475 imputati. La risposta della mafia è l’attentato a Falcone ed alla sua scorta.

 

Sceneggiatura Marco Bellocchio, Ludovico Rampoldi, Valia Santella, Francesco Piccolo
Autore della fotografia cinematografica Vladan Radovic
Scenografia Andrea Castorina
Costumi Daria Calvelli
Musiche Nicola Piovani
Montaggio Francesca Calvelli
Fonico di presa diretta Gaetano Carito, Adriano Di Lorenzo
Montaggio del Suono Lilio Rosato
Effetti speciali Rodolfo Migliari
Trucco Dalia Colli, Lorenzo Tamburini
Acconciatura Alberta Giuliani
Creatori di suoni Gianluca Basili
Produttore esecutivo Simone Gattoni

 

 

LUCANIA, TERRA SANGUE E MAGIA

 

 

Regia Gigi Roccati

AttoriAngela Fontana, Joe Capalbo, Maria Morgenstern, Pippo Delbono.

Durata 84 min

Trama

Lucania, Terra Sangue e Magia è ambientato in un mondo magico e inaccessibile, racchiuso tra le montagne e il mare, dove niente è come sembra. Qui vivono Rocco (Giovanni Capalbo) e Lucia (Angela Fontana), un padre severo, legato alla sua terra, che lotta per difenderla fino all’estremo sacrificio, ed una ragazza selvatica, muta dalla morte della madre Argenzia, che ha il dono di vedere e sentirne l’anima. Il padre che la vede parlare al vento, la crede pazza e disperato la sottopone ai riti di guarigione di una maga contadina. Ma quando Rocco respinge l’offerta di Carmine, un autotrasportatore che gli offre di seppellire rifiuti tossici nella propria terra in cambio di denaro, e per reagire a un aggressione ammazza uno dei suoi uomini, si trova costretto a fuggire a piedi per le montagne cercando di salvare la figlia. Comincia così il viaggio di espiazione di Rocco e il viaggio di formazione di Lucia.

 

Sceneggiatura Carlo Longo, Davide Manuli, Gigi Roccati, Gino Ventriglia
Autore della fotografia cinematografica Salvatore Landi
Scenografia Federico Baciocchi
Costumi Sabrina Beretta
Musiche Gabriele Bonolis
Montaggio Annalisa Forgione
Fonico di presa diretta Rocco Rita
Montaggio del Suono Gianfranco Tortora
Vincenzo Greco  
Trucco Renata Di Leone
Acconciatura Claudio Di Cola
Creatori di suoni Gianfranco Tortora
Produttore esecutivo Giovanni Capalbo

 

 

MARTIN EDEN

 

 

Regia Pietro Marcello

AttoriLuca Marinelli, Jessica Cressy, Carmen Pommella, Denise Sardisco, Carlo Cecchi.

Durata 129 min

Trama

Martin Eden (Luca Marinelli) è un giovane marinaio di umili origini che salva da un'aggressione Arturo (Giustiniano Alpi), giovane rampollo della borghesia industriale. Per ringraziarlo Arturo lo invita nella sua abitazione di famiglia dove Martin Eden conoscerà e si innamorerà di Elena (Jessica Cressy), la bella sorella di Arturo. La giovane donna, colta e raffinata, diventerà un'ossessione amorosa e il simbolo dello status sociale cui Martin aspira a elevarsi. Martin inseguirà il sogno di diventare scrittore, a costo di sacrifici e fatiche affrontando i limiti della propria umile origine. Influenzato dal vecchio intellettuale Russ Brissenden (Carlo Cecchi), si avvicina ai circoli socialisti, entrando per questo in conflitto con Elena e con il suo mondo borghese.

Sceneggiatura Maurizio Braucci, Pietro Marcello
Autore della fotografia cinematografica Francesco Di Giacomo
Scenografia Luca Servino
Costumi Andrea Cavalletto
Musiche Marco Messini, Sacha Ricci
Montaggio Aline Hervè, Fabrizio Federico
Fonico di presa diretta Denny De Angelis
Montaggio del Suono Stefano Grosso
Effetti speciali Luca Bellano
Trucco Dorothea Wiedermann
Acconciatura Daniela Tartari
Creatori di suoni Aleksandra Stojanovic
Produttore esecutivo Alessio Lazzareschi

 

MIO FRATELLO RINCORRE I DINOSAURI

 

 

Regia Stefano Cipani

AttoriFrancesco Gheghi, Isabella Ragonese, Rossy De Palma, Alessandro Gassmann

Durata 102 min

Trama
Mio fratello rincorre i dinosauri racconta la storia di Jack (Francesco Gheghi) che fin da piccolo ha creduto alla tenera bugia che i suoi genitori gli hanno raccontato, ovvero che Gio (Lorenzo Sisto), suo fratello, fosse un bambino “speciale”, dotato di incredibili superpoteri, come un eroe dei fumetti. Con il passare del tempo Gio, affetto dalla sindrome di Down, per suo fratello diventa un segreto da non svelare. Con questo sentimento nel cuore, trascorre il tempo delle scuole medie. Quando Jack conosce il primo amore, Arianna (Arianna Becheroni), la presenza di Gio, con i suoi bizzarri e imprevedibili comportamenti, diventa per lui un fardello tanto pesante da arrivare a negare ad Arianna e ai nuovi amici del liceo l'esistenza di Gio.

 

Sceneggiatura Fabio Bonifacci, Giacomo Mazzariol
Autore della fotografia cinematografica
Sergì Bartrolì
Scenografia Ivana Gargiulo
Costumi Gemma Mascagni
Musiche Lucas Vidal
Montaggio Massimo Quaglia
Fonico di presa diretta Antonio Barba

Montaggio del Suono Francesco Vallocchia
Effetti speciali Fabrizio Pistone, Marco Gaudenzi
Trucco Francesca Lodoli
Acconciatura Luca Pompozzi
Creatori di suoni Paolo Amici
Produttore esecutivo  

 

 

FIORE GEMELLO

 

 

Regia Laura Luchetti

Attori ATTORI: Kallil Kone, Anastasyia Bogach, Aniello Arena

Durata 95 minuti

Trama

Fiore gemello racconta di due esseri minuscoli che si fanno grandi nell'immensità del mondo ruvido che li circonda. Basim (Kallil Khone) è un immigrato clandestino proveniente dalla Costa d'Avorio, Anna (Anastasya Bogach) la figlia di un trafficante di migranti. In fuga attraverso i paesaggi misteriosi e bellissimi della Sardegna, troveranno insieme, nell'amore l'uno per l'altra, la forza per camminare verso il futuro, senza più guardarsi alle spalle.

 

Sceneggiatura Laura Luchetti
Autore della fotografia cinematografica Ferran Paredes Rubio
Scenografia Cinzia Lo Fazio, Francesca Melis
Costumi Salvatore Aresu, Frnaci Pintus
Musiche Francesco Cerasi
Montaggio Paola Freddi
Fonico di presa diretta Piergiuseppe Fancellu
Montaggio del Suono

Filippo BARRACCO

Effetti speciali
Trucco Stefania Bettini, Selene Colonna
Acconciatura Stefania Bettini, Gerolama Sale
Creatori di suoni Ivan Caso
Produttore esecutivo Giuseppe Gallo

 

A MANO DISARMATA

 

 

Regia Claudio Bonivento

AttoriFrancesco Venditti, Mirko Frezza, Claudia Gerini, Emanuela Fanelli, Milena Mancini, Dina Braschi, Isabella Merafino, Nini Salerno, Massimo De Francovich, Francesco Pannofino, Rodolfo Laganà, Maurizio Mattioli, Gaetano Amato.

Durata 102 min

Trama

A Mano Disarmata vede Claudia Gerini nei panni di Federica Angeli, la giornalista di Repubblica che dal 2013 vive sotto scorta a causa delle minacce mafiose ricevute per le sue inchieste sulla criminalità organizzata a Ostia. Da cronista dell’edizione romana di "La Repubblica", Federica Angeli prende in mano la sua vita e decide di usarla, senza risparmio, in una causa civile: la lotta ai clan mafiosi che infestano Ostia. La sua arma è la penna. Il film racconta le tappe della sua sfida alla malavita, senza mai dimenticare la sua dimensione di donna, madre e moglie.

 

Sceneggiatura Domitilla Shaula Di Pietro
Autore della fotografia cinematografica  Maurizio Dell’Orco
Scenografia  Federica Di Stefano
Costumi Agata Cannizzaro
Musiche  Mirko Mancini in arte Mirkoeilcane
Montaggio  Roberto Siciliano
Fonico di presa diretta  Candido Raini
Montaggio del Suono  Davide Scaringella
Effetti speciali  Amedeo Califano
Trucco  Rosalba Cimino
Acconciatura  Francesca Latella
Creatori di suoni  Jacopo Anzellotti
Produttore esecutivo